The Latest

mpdrolet:

Adrian De Sa Garces
May 20, 2014 / 152 notes
Apr 9, 2014 / 140 notes
mpdrolet:

Beach Samba, 1998
Patricia Heal
Apr 1, 2014 / 179 notes

mpdrolet:

Beach Samba, 1998

Patricia Heal

(via 365otheradventures)

itsy-bitsy:

Sabina, Lausanne,1993, by swiss photographer Jean-Pascal Imsand
Mar 25, 2014 / 592 notes

itsy-bitsy:

Sabina, Lausanne,1993, by swiss photographer Jean-Pascal Imsand

(via )

Correre per me significa molte cose: sopravvivenza, calma, euforia, solitudine. E’ la dimostrazione della mia esistenza fisica, della mia capacità di controllare i movimenti nello spazio, se non nel tempo, e dell’obbedienza, per quanto temporanea, del corpo alla mia volontà. Mentre corro respiro profondamente e le cose vanno e vengono intorno a me, il sentiero si dipana sotto i miei piedi come una pellicola cinematografica.

A. Niffenegger - La moglie dell’uomo che viaggiava nel tempo, pag. 155

un libro densissimo, che mi capita persino di sognare di notte (e mette voglia di amare e correre)

Feb 15, 2014
Qualche mese fa è morto un mio prozio che viveva in campagna. Aveva una malattia incurabile e già da un po’ non parlava quasi più, ed era inoltre molto dimagrito (era comunque piuttosto anziano). Una delle ultime volte che siamo andati a trovarlo, ricordo, era lì nel suo letto, quei letti campagnoli molto alti di una volta, e ci guardava con i suoi occhi verdi, fatti enormi dalla malattia. Era contento che fossimo andato a trovarlo (io, i miei fratelli e mia nonna, sua sorella), o almeno a me è parso così. Dopo un po’ è entrata in camera sua moglie, gli si è avvicinata, gli ha messo a posto la trapunta e gli ha chiesto in tono scherzoso: “Que vari cu sti occhi, ciuetto’ [civettone]?”, poi lo ha accarezzato. Ecco, quel gesto tenero fra vecchi me lo ricordo ancora, e quel ciuetto’ detto al marito morente è una delle più belle parole d’amore che mi sia mai capitato di leggere o di ascoltare
Feb 14, 2014 / 2 notes

Au Hasard Balthazar (1966)
Feb 12, 2014 / 920 notes


Au Hasard Balthazar
(1966)

(via )

Il mio mondo perfetto è molto, molto blu ma tutt’altro che monotono.
Feb 11, 2014 / 1 note
divara:

#Fornasetti alla Triennale

Enigmatica bellezza (da sempre, per me)
Feb 8, 2014 / 17 notes

divara:

#Fornasetti alla Triennale

Enigmatica bellezza (da sempre, per me)

artisticallynaked:

Model: Mona-Innominata
Photographer: Vernon Trent
Feb 1, 2014 / 101 notes

artisticallynaked:

Model: Mona-Innominata

Photographer: Vernon Trent

(via madamedevalmont)

Le chiese quando sono vuote appartengono ai pensierosi.

Loro, i meditabondi, entrano spingendo portoni immensi e strizzano gli occhi, per vincere il buio che presto si colora delle vetrate, con l’incenso residuo intriso di cera. Si siedono nell’eco dei passi lenti, dei bisbigli di speranza e degli sguardi misericordiosi alle pareti.

Le chiese vuote sono oasi di pace a cui si accede liberi da confessioni e titoli d’ingresso. Servono a distendere i pensieri raggrumati come le lettere battute troppo in fretta nelle vecchie Olivetti.

Nelle chiese vuote il silenzio scaccia la fretta, si deposita nelle pieghe dei bisogni e soffia via la polvere delle delusioni: e i nuovi pensieri incedono lenti, nitidi e giusti.

Dalle chiese vuote si esce sempre migliori. Ma solo per un po’.

(che bello questo post dello Splendido)
Jan 18, 2014 / 1 note
Che abbiamo vissuto, / che abbiamo toccato le strade coi piedi, / che andavamo allegri, / non lo saprà nessuno. / Che abbiamo guardato il mare / dai finestrini dei treni, / che abbiamo respirato / l’aria che si posa / sulle sedie dei bar, / non lo saprà nessuno. / Siamo stati / sulla terrazza della vita / fintanto che sono arrivati gli altri.
Jan 14, 2014 / 42 notes
Jan 13, 2014 / 6 notes

giuliozu:

le persone innamorate e la loro spudorata nostalgia del presente

chiaratiz

Jan 6, 2014 / 17 notes
July 1930 - Photographed by George Hoyningen-Huene
Nov 6, 2013 / 1 note

July 1930 - Photographed by George Hoyningen-Huene